webxc02s04.ad.aruba.it - 127.0.0.1
Notice: Undefined index: NOMEUTENTE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 71

Notice: Undefined index: PROGETTOBABELE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 72

Is mobile = FALSE
PROGETTO BABELE RIVISTA LETTERARIA - Archivio Articoli: Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale di Marigiusy Digregorio
Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    [19/10/2021] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI D’INVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale
a cura di Marigiusy Digregorio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 25
Media 75.2 %

Articoli

Dopo la fortunatissima serie tv prodotta dalla Rai in collaborazione con HBO, la tetralogia della Ferrante torna a far parlare di sé: l’anno prossimo sarà trasmessa la seconda stagione, anche se la data risulta essere ancora incerta.

Naturalmente, prima ancora di approdare al prodotto cinematografico, “L’amica geniale” è, innanzitutto, un’opera letteraria e, come tale, scalpita di vita, di morte e di dolore. La saga consta di quattro volumi: “L’amica geniale”; “Storia del nuovo cognome”; “Storia di chi fugge e di chi resta” e “Storia della bambina perduta”. Essa ricopre un lasso di tempo molto vasto, in quanto è incentrata sulla vita di due donne, Elena Greco, detta Lenù, e Raffaella Cerullo, detta Lila, dalla tenera infanzia alla vecchiaia.

Fin qui nulla di nuovo, ma cosa rende così speciale e singolare questa saga?

Innanzitutto, la scrittura della Ferrante: uno stream of consciousness rivisitato e riadattato, un fiume in piena di emozioni che rende le parole vive, palpabili, sanguinanti. Il suo punto forte sono senza dubbio le descrizioni non solo delle condizioni sociali della Napoli del Secondo Dopoguerra, tradotte su carta in maniera estremamente realistica, ma anche dell’animo umano. Notevole è, a tal proposito, la smarginatura così tanto temuta da Lila e che ricorre in moltissimi momenti dei romanzi: ad esempio, Rino – suo fratello - si smargina quando perde se stesso, sino a liquefarsi, confondendosi e mescolandosi con l’ambiente mafioso, prepotente che lo circonda, diventando un tutt’uno con esso. Questo è il primo episodio di smarginatura che toccherà profondamente Lila.

Un altro aspetto è ovviamente legato all’ambientazione, Napoli, precisamente il rione, distinto, quasi isolato dalla città, perché selvaggio, retrogrado. La vita del rione è scandita dalle prepotenze delle due famigerate famiglie dei Solara e dei Carracci, proprietari di buona parte degli stabilimenti e non solo. L’influenza esercitata dal luogo natìo è talmente forte da condizionare per sempre la vita delle protagoniste, anche quando una delle due, Elena, si trasferisce a Pisa, dove riuscirà a sopravvivere ai vari soprusi subiti in quanto meridionale (e donna) proprio grazie al dialetto, agli insulti e in alcune circostanze persino ai pugni. Un po’ come a dire, insomma, che dalle proprie radici non si può fuggire.

Non si può prescindere, chiaramente, dal tema dell’amicizia. La particolarità di questa saga è anche lo sguardo, la prospettiva con cui la Ferrante descrive il complicatissimo rapporto tra le due ragazze. Poiché amicizia è anche invidia, gelosia e persino odio e non c’è spazio per mere idealizzazioni   che, in effetti, striderebbero con il realismo quasi esasperato dell’opera.

Perché realismo? La Ferrante ci apre uno squarcio sul mondo dell’educazione infantile di quegli anni, della violenza a cui i bambini – e le donne – erano abituati. I padri di famiglia erano padroni indiscussi e le percosse erano semplicemente la normalità. Realismo è anche quello con cui si guarda ai rapporti di potere, alle gerarchie sociali, al fatto che ogni attività commerciale sia contrassegnata da un marchio, quello mafioso, da cui non si può assolutamente prescindere.

Tutto questo – e tanto altro - rende i romanzi di Elena Ferrante preziosissimi, testimonianza di realtà che spesso si tende a reprimere, a minimizzare, eppure ci sono state – in alcuni casi ci sono ancora -. Allora, perché scandalizzarsi?

__________________________________________

Elena Ferrante (Napoli, 1953) è una scrittrice italiana.
Nata e cresciuta a Napoli, fra i suoi autori preferiti cita Elsa Morante. Dal suo primo romanzo, L'amore molesto, edito nel 1992, è stato tratto l'omonimo film di Mario Martone. Dal romanzo successivo, I giorni dell'abbandono, edito nel 2002 e finalista al Premio Viareggio, è stata realizzata la pellicola omonima di Roberto Faenza. Nel volume La frantumaglia, edito nel 2003, racconta la sua esperienza di scrittrice.

È opinione diffusa che il suo nome sia uno pseudonimo, per quanto tale ipotesi non sia accreditata dalla scrittrice. Tra le ipotesi fatte sulla sua possibile identità ci sono quelle di Anita Raja, moglie di Domenico Starnone nonché saggista partenopea e traduttrice di Starnone stesso; di Goffredo Fofi (nato a Gubbio) e degli editori Sandro Ferri e Sandra Ozzola (delle Edizioni e/o).

Senza aver mai svelato la propria identità[19], ha pubblicato il volume La frantumaglia proprio per soddisfare la curiosità del pubblico nei suoi confronti; in esso sono raccolte le lettere dell'autrice al suo editore, le poche interviste da lei concesse e le sue corrispondenze con lettori d'eccezione.

Fonte Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Elena_Ferrante

© Marigiusy Digregorio





>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2019-10-04
VISITE: 142


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali