webxc02s04.ad.aruba.it - 127.0.0.1
Notice: Undefined index: NOMEUTENTE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 71

Notice: Undefined index: PROGETTOBABELE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 72

Is mobile = FALSE
PROGETTO BABELE RIVISTA LETTERARIA - Archivio Racconti: Via Po di Michele claudio Napolitano
Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [15/05/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    Alcova Letteraria II Edizione scadenza 2021-05-23    "Antonietta Rongone" scadenza 2021-05-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il signore delle nuvole. di Antonio Parente     Terra infranta (sonetto elisabettiano) di Donato Caione     Lux di Roberta Stracuzzi     Papaveri rossi di Elisabetta Santirocchi     La chimica dell’odore di Amedeo Bruni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Via Po
di Michele claudio Napolitano
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 17112
Media 79.83 %



Nel mezzo del cammin di nostra vita...

Biancastra come latte cagliato scorre la via; la si può bere a piccoli sorsi senza pensare all'amaro che lascia in bocca. Quel che importa è il retrogusto, la saliva che aumenta, le papille gustative che si confondono con gli occhi e lo sguardo che confonde la strada e i palazzi. In un tram a mezzogiorno o a piedi di sera la via scorre comunque lenta, incespicando ad ogni passo, rapprendendosi in un coagulo di pensieri misti a mattoni e a calce.

Certo, occorre non lasciarsi distrarre dallo Spettro dei colori, ineffabile fantasma dalle infinite sfumature,  che aleggia sull'asfalto e sopra di esso: non ha un lenzuolo bianco, tessuto con i fili della somma e dell'assenza cromatica ma più sottilmente veste con cura il bagliore dei neon o l'azzurro del cielo, le carrozzerie delle macchine e la stoffa dei vestiti dei passanti.

L'occhio esperto sa poi ben discernere la concentrazione dello sguardo dai rumori che l'udito fedelmente riproduce, e che si posano come note su di una tromba che suoni non emetterebbe nemmeno se ci soffiasse Satchmo; l'orecchio che distingue i clacson dalle voci per l'occasione deve essere messo da parte.

Il tatto poi, depositato sui gelidi appoggi e frastornato dalla calca dei passeggeri o raggomitolato in fondo alle tasche calde, a giocare con minuscoli gomitoli di cotone non dovrebbe essere ridestato da ciò che avviene come in un film nella cinepresa della retina e nel montaggio del palato.

Sgombrando tutto, dicevamo, si intravede la via biancastra come latte cagliato. Il biancume ha dei contorni; sicuramente. Stretta, diagonale, obliqua, dritta, suicida si getta nel fiume contemplando il suo cadavere passare da un ponte. Nemmeno le esequie ha potuto ricevere, costretta a gettarsi a due passi da una Chiesa che pare il Pantheon, Spettro religioso multiforme, ben più corporeo del suo fratello dalle mille tinte. Nemmeno il conforto di un requiem eternam dona eis.

Va beh, direte voi, il prologo è appena cominciato e siamo già all'epilogo, senza aver capito se si tratta di commedia o di tragedia, ma vi si potrebbe eccepire che nemmeno al peggior regista non si concede un flash-back che scandagli nella memoria della finzione e nella storia del passato a mo di spiegazione. Proviamo a tornare indietro, regista!

Magari non ci sarà nemmeno bisogno di tirare in ballo Proust o chissà chi per sviluppare l'elemento stampato nella pellicola; o  per navigare il flusso costante, coesistente del Tempo (o del tempo). Magari è un dettaglio che vi è sfuggito perché nell'ellissi narrativa i dettagli sono importanti: il non detto è già un racconto, molto più del già detto.

Ripercorriamo a ritroso la bobina della via ancora in vita con una passeggiata attenta al particolare. Se eravamo dentro ad un tranvai l'occhio disattento può essersi lasciato andare al narcisistico gioco della propria immagine appesa al finestrino, la macchina da presa in movimento, mischiando il fuori campo con l'azione, le comparse con i protagonisti.

Se camminiamo adagio corriamo il rischio che l'odorato, senso al quale difficilmente sappiamo porre resistenza, si aggrappi ai polli arrosti e alle pizze dei take-away stimolando l'altra dimensione sensoriale che abbiamo all'inizio chiamata in causa: il gusto.

Astrarsi camminando per una via biancastra come latte cagliato non è poi così semplice ma se alla fine sapremo seguire le indicazioni offuscate dall'imperfezione urbana potremo giungere al verde intenso, speranzoso, vetusto ma ridipinto di fresco dell'oggetto del nostro cortometraggio iniziale.

A metà della via biancastra come latte cagliato mi ritrovai per il verde di una bancarella.

Che la diritta via non era smarrita.

© Michele claudio Napolitano




-

dal 2009-07-07
VISITE: 1


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali