webxc02s04.ad.aruba.it - 127.0.0.1
Notice: Undefined index: NOMEUTENTE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 71

Notice: Undefined index: PROGETTOBABELE in /web/htdocs/www.progettoteatro.it/home/INCLUDE/localuse.php on line 72

Is mobile = FALSE
PROGETTO BABELE - IL SITO - Sezione Letteratura Africana PROGETTO BABELE RIVISTA LETTERARIA
Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [13/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    Alcova Letteraria II Edizione scadenza 2021-05-23    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il signore delle nuvole. di Antonio Parente     Terra infranta (sonetto elisabettiano) di Donato Caione     Lux di Roberta Stracuzzi     Papaveri rossi di Elisabetta Santirocchi     La chimica dell’odore di Amedeo Bruni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

LETTERATURA AFRICANA
curatrice della sezione
N/A


Breve introduzione alla Letteratura Africana
A cura di Tiziana Petrecca

La letteratura africana sub-sahariana può essere divisa in una serie di filoni linguistici, ognuno dei quali è piuttosto indipendente, anche se le tematiche del colonialismo e neo-colonialismo sono sempre presenti.Linguisticamente possiamo parlare di letteratura in:

Inglese (colonie britanniche)
Francese (colonie francesi e belghe)
Swahili (Kenya, Tanzania, Uganda)
Portoghese (Angola, Mozambico, Capoverde)
Afrikaans (Sudafrica)
Italiano (Somalia)

E' chiaro che poi ci sono influenze, oltre che dalla madrepatria, da ex-colonie non africane, per esempio la letteratura delle Antille Francesi (Guadalupa e Martinica) ha ovviamente influenzato
quella africana francofona.

Va notato tuttavia che una seconda divisione è possibile, prescindendo dal discorso linguistico: in quest'ultima si possono identificare sei fasi.
Si parte dalla fase pre-coloniale dove il sentimento dominante è la serenità, una serenità che non nasconde i problemi, ma evoca una visione nostalgica della vita. Questi romanzi guardano al passato e alla sua forza rigenerante nella quale lo scrittore si rifugia.
Segue la prima fase coloniale dove domina l’imitazione e assimilazione dai colonizzatori, e la forza e anche il successo nel cercare un proprio posto nel sistema creato dagli stranieri, approfittando anche dei vantaggi che questi ultimi possono dare, per esempio mandare i propri figli nella scuola dei bianchi, quasi a carpirne i segreti. Questo perché ancora non si è presa coscienza del vero volto della colonizzazione. Tutto è volto nel farsi accettare e conoscere, anche le critiche, che si trovano in questi romanzi, non mirano mai ad una rivoluzione ma più a delle riforme: prima della seconda guerra mondiale gli appelli all’indipendenza sono scarsi: più spesso ci si limita a chiedere uguaglianza ed assimilazione dei diritti.
La seconda fase coloniale è degli anni '50 e vi si sente forte la riaffermazione della propria identità culturale, che va di pari passo con i processi storico-politici di decolonizzazione. Questo diviene presto critica verso tutto ciò che ha retto la colonia per decenni: l’amministrazione, la missione, l’esercito e il commercio.
Nella prima fase indipendente degli anni '60, il sentimento è di speranza e di attesa, speranza, dopo la sconfitta del colonialismo, della rinascita dell’Africa dall’umiliazione e prostrazione attraverso la giustizia sociale. Quindi, questo periodo letterario è pieno di entusiasmo, celebrazione ed esultanza.
Negli anni '70, seguirà la seconda fase indipendente, dove il sentimento dominante è quello del disinganno e della delusione: ci si rende conto che molto di ciò che i politici, nella fase di decolonizzazione, avevano promesso non è stato mantenuto. In pratica l’unico cambiamento è stato quello del passaggio dal potere bianco al potere nero, restando le divisioni di classe e caste, il disprezzo verso il popolo, con in più un incremento della violenza e della corruzione a qualsiasi livello, e la messa a bando e persecuzione degli scrittori da parte dei nuovi politici africani.
Negli anni 80 subentra la terza fase indipendente, dove la lacerazione interiore assume forme di angoscia, disperazione e auto-isolamento. Persa la speranza del cambiamento, gli scrittori si rifugiano nel privato, nel romanzo di evasione, nelle visioni oniriche e apocalittiche oppure nella descrizione realista della vita. Il mito dell’africanità entra in una fase di crisi, che porta a volte all’abbandono della negritudine come punto di riferimento costante in letteratura.
Questo smarrimento è anche dovuto al rendersi conto che non esiste un Africa, ma tante Afriche, che non si riesce a trasformare e spesso neppure a decifrare completamente.

L'evoluzione della letteratura in queste sei fasi consente di fare distinzioni basate sui contenuti, più che sulle forme espressive adottate. E siamo giunti ad oggi: i romanzieri dell’ultima generazione da una parte sono molto più impegnati nel ricercare nuove vie espressive, più vicine alla cultura africana tradizionale fatta di oralità, simboli e proverbi nonché di processi iniziatici e di guarigione, testi musicali e uso delle lingue africane o derivate dalle europee; ma d’altro canto affrontano delle tematiche più universali, contribuendo così a proteggere la letteratura africana dal rischio di restare in un ambito regionale o più semplicemente continentale.

A questa descrizione generale, seguiranno trattazioni leggermente più dettagliate di tre grandi aree linguistiche: anglofona, francofona e lusofona.

(c) Tiziana Petrecca

 

Da leggere, sul sito:

Record Non Trovato

 

Contributi, articoli, saggi, traduzioni e segnalazioni
relativi a questa sezione del sito possono essere indirizzati
direttamente a marco_roberto_capelli@progettobabele.it

 

VISITE: 7
dal 05/07/07

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali